atelier design IV (1)

Quest’anno ho intrapreso un nuovo percorso di insegnamento e ricerca presso il PDTA (Dipartimento di Pianificazione, Design, Tecnologia dell’Architettura) della Facoltà di Architettura Università La Sapienza di Roma.

All’interno dell’atelier ho intrapreso un percorso dove il tema di corso (un allestimento urbano) vuole confrontarsi con i grandi temi e problemi della nostra società all’interno del quale trovare le fonti di ispirazione poetica del proprio progetto.

DECADENZA
oggi in molti sostengono che il mondo contemporaneo stia attraversando una sua fase di grande crisi che coincide con il suo ingresso in un’era di decadenza (la crisi ambientale, la crisi di sistema, la crisi etica..).

Rif: M.Onfray, Decadenza: vita e morte della civiltà giudaico-cristiana, Ponte delle Grazie, Firenze, 2017

DECRESCITA
la decrescita forse è un termine che mitiga il significato negativo della decadenza e che forse può risultare come un’opportunità, “sarebbe meglio parlare di ‘acrescita’ come si parla di ‘ateismo’… l’abbandono di una fede o di una religione”, una nuova fase della storia dell’umanità che metta in gioco un nuovo modo di stare al mondo.

Rif: S.Latouche, Breve trattato sulla decrescita serena, Bollati Boringhieri, Torino, 2008

IPERCONSUMO
è un dato di fatto che viviamo ormai in una società che ha di gran lunga oltrepassato la dimensione nota come consumistica, virando verso l’iperconsumo che ci rende non più solo schiavi del consumo ma anche inscindibilmente partecipativi di questa dimensione di fede del consumo a tutti i costi.

Rif: M.D’Eramo, Il selfie del mondo, Feltrinelli, Milano, 2017

Invitando tutti i partecipanti del corso a riflettere su queste tematiche ho assegnato loro un tema di allestimento urbano all’interno della Galleria Alberto Sordi, in pieno centro di Roma (Piazza Colonna), luogo sede delle più importanti cariche politiche, baricentro del “parco commerciale” del tridente stradale del centro storico (Via del Corso, Via Ripetta, Via del Babuino), luogo di passaggio dei flussi del turismo di massa romano.

Nell’ottimo feed back ricevuto, nei lavori in corso stanno emergendo molteplici letture in cui l’aspetto analitico si confronta con la produzione dell’oggetto/oggetti allestitivo/i attraverso una attenta ed intelligente capacità di interazione con il contesto, inteso non solo nel suo manufatto fisico, ma anche nel suo essere identificato con le fenomenologie della società contemporanea di cui sopra.

All’interno del corso si è svolta una AUTOVOTAZIONE dove sulla base di una mostra di tavole in formato A0 gli studenti si sono auto giudicati secondo questi temi:

#1 LA TAVOLA CHE AVREI VOLUTO FARE IO >> gruppo che ha ricevuto più preferenze: Gruppo 10

#2 LA SEZIONE/PROFILO (AL 20) CHE SINTETIZZA MEGLIO IL PROGETTO >> gruppi che hanno ricevuto più preferenze: Gruppo 1, Gruppo 2, Gruppo 5

#3 L’IMMAGINI (FOTOMONTAGGIO, COLLAGE) CHE EMOZIONA >> gruppo che ha ricevuto più preferenze: Gruppo 7

IMMAGINI DAI PROGETTI:

Gruppo 1, ruderizzazione della Galleria

Gruppo 2, ‘debrandizzazione’ del luogo

Gruppo 6, decontestualizzazione ambientale

Gruppo 7, luna park

Gruppo 9, il grande fratello “wonderland”

Gruppo 10, impegno sociale; Gruppo 11, decontestualizzazione sociale

 

Gruppo 4, muri abitati; Gruppo 5, infrastruttura volante; Gruppo 13, scatole ad innesti; Gruppo 14 terrazze serre

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...