Ideazione e realizzazione della campagna #caudodainumeri del candidato sindaco alle primarie di centro-sinistra di Giovanni Caudo.

(con Martina Cardelli e Giovanni Caudo)

#Caudodainumeri Roma ha 150 anni, nel 1871 aveva 170 mila abitanti, Napoli allora ne aveva quasi 500 mila. Oggi Roma ha 2,8 milioni di abitanti. Non c’è nessuna città europea che è cresciuta così tanto in così poco tempo.
#Caudodainumeri Roma ha 2.856.000 abitanti (2019). Dal 1971 sono +116.000, ma città consolidata -800.000 abitanti, mentre quartieri intorno al GRA +800.000. Teniamone conto quando parliamo di Roma, mobilità, accesso ai servizi. Il 50% dei Romani ci abita. Non è periferia, è Roma.
#Caudodainumeri Il territorio di Roma Capitale si espande per 128.530 ha. Oltre il 28% di questa superficie circa 51.729 ha è costituita da terre agricole. Leghiamo il ciclo dell’urbano a quello agricolo e facciamo di Roma una città a natura d’uomo. #RomaAgricola #CaudoSindaco
#Caudodainumeri 50 mila ettari è il suolo agricolo di Roma, di questi 18 mila ettari sono immobili pubblici: una grande responsabilità per costruire Roma Agricola. #RomaAgricola #CaudoSindaco
#Caudodainumeri Roma ha 2200 abitanti ogni km2, Parigi circa 9000. Teniamone conto quando parliamo di trasporti o di città dei 15 minuti. Per Roma è un vantaggio: si possono realizzare interventi di rigenerazione urbana sostenibili, di forestazione urbana per riduzione Co2.
#Caudodainumeri Non tutte le strade (e ferrovie) portano a Roma allo stesso modo. Ogni giorno 684.000 persone entrano a Roma. Il 26% viene dai Castelli, il 16% dall’Aurelia, 14% dalla Pontina, 12% da Tiburtina e Casilina, 9 % dalla Salaria, 8% dalla Flaminia, 4% dalla Cassia. È forse il caso di prolungare la metro A da Anagnina fino all’A1 e fare lì un bel parcheggio di scambio gomma-ferro e alleggerire così Anagnina e soprattutto il GRA?
#Caudodainumeri Ogni giorno a Roma diamo da mangiare a 144.000 bambine e bambini delle scuole d’infanzia statali e comunali. Sono circa 13 milioni di pasti ogni anno scolastico, una montagna di rifiuti organici. Non sarebbe il caso di trattarli con le tecniche di compostaggio per trasformarli e aumentare così la differenziata ed evitare di inviarli in giro per l’Italia? Risparmieremmo, anche, quasi 500 euro a tonnellata.
#Caudodainumeri Oggi #Roma ha lo stesso numero di abitanti del 1971 (50 anni fa): circa 2,8 milioni. Il numero di famiglie, invece, nello stesso periodo si è moltiplicato, con un aumento del 65% (da 826.990 a 1.368.269, dato 2017). Per questo, nonostante la popolazione di Roma sia ormai stabile da anni, c’è però bisogno di più case. Non da costruire ex novo, ma da realizzare attraverso il recupero di immobili esistenti non residenziali e con il frazionamento degli appartamenti più grandi. Ecco un punto importante del programma di governo: favorire il riuso dell’esistente e il cambiamento radicale di parti della città costruite male durante la febbre edilizia del dopoguerra, con materiali scadenti e senza il rispetto delle norme antisismiche.
#Caudodainumeri Nel 2019 le famiglie composte da una sola persona erano 605 mila, il 45% del totale (1.359.000). Nei municipi 1 e 2 più del 50%. Le politiche sociali, sulla casa, i tributi locali (TARI), tutte le politiche pensate per la famiglia tengono conto di questo dato? No, per questo una volta al governo di Roma bisognerà fare un provvedimento che rimoduli tutti i tributi, gli aiuti e le politiche sulla base della effettiva composizione familiare.
#Caudodainumeri A chi appartiene il suolo di Roma? 14.170 ettari sono di Roma Capitale (11%). Gli altri soggetti pubblici (Stato, Regione, società, enti pubblici) possiedono 19.591 ha (15,2%). Oltre 1/4 del suolo e degli edifici sono di proprietà pubblica, 33.762 ha (26,2%). Si tratta di una condizione ideale per ridisegnare il volto della città. È l’eredità di Roma Capitale, che va rinnovata anche per poter dare un nuovo significato all’essere Capitale.
#Caudodainumeri Il 3 febbraio Roma Capitale ha compiuto 150 anni. A quel tempo l’urbanizzato si estendeva per 383 ettari e il Colosseo era periferia. Oggi l’urbanizzato di Roma si estende per 50.710 ettari. Nessuna capitale europea è cresciuta tanto e in così poco tempo.
#Caudodainumeri A Roma ci sono 1.250 alberghi, ora quelli aperti sono 50 (170 a giugno). A Fiumicino nel 2020 i passeggeri totali sono stati 8,6 mln, nel 2019 43,4 mln (-80%). Il solo vaccino non basterà, serviranno politiche nuove per un nuovo modello di sviluppo economico.
#Caudodainumeri A Roma si vive e si lavora in gran parte attorno al #GRA. Il 50% dei posti di lavoro in imprese private di Roma sono per lo più intorno al GRA, dove vivono circa 1,2 milioni di romani. Il Sacro GRA oggi è l’unica forma urbis di una città senza più forma. Per me Roma riparte da lì, dall’ultima città costruita. 2026 e 2025, due scadenze: i fondi del recovery plan e il giubileo per dare forma all’ultima città costruita dove vive e lavora la maggior parte dei romani. Mettiamoci al lavoro.
#Caudodainumeri #1marzo I dipendenti del comune di Roma sono 23.483, dal 2009 al 2019 sono diminuiti del 9,2% (-2.367). I dirigenti sono 163, (-40,5%), cioè meno di un dirigente ogni 100 dipendenti. Milano ha 10,2 dipendenti ogni 1.000 abitanti, come Bologna, Venezia e Torino (9,8). Per avere lo stesso rapporto di Milano, Roma dovrebbe assumere 5.000 nuovi dipendenti, e tra questi centinaia di dirigenti. I dati mostrano un esercito sempre meno numeroso e senza generali. Basta, la si smetta con la retorica che il Comune di Roma ha troppi dipendenti: affermazione non vera che ha fatto malissimo alla nostra città. I numeri dicono che Roma ha meno dipendenti di tutte le altre città.
#Caudodainumeri #8Marzo Nel 2019 le donne entrate in contatto con i centri antiviolenza a Roma sono state 1.767, di cui il 40% erano coniugate. Servono case rifugio, case per la ripartenza che possano ospitare donne sole o con minori.
#Caudodainumeri I beni immobili confiscati alle mafie a Roma sono 447. È un indicatore della pervasività delle mafie a Roma: oltre 90 clan e circa 100 piazze di spaccio. La mafia prende forza nei territori dove l’economia legale si indebolisce e nei quartieri più poveri sostituendosi al welfare pubblico e ingaggiando i giovani come manovalanza criminale. Controllo del territorio, più investimenti nel sociale e rilancio di un modello di sviluppo economico sostenibile e duraturo. Questo serve per combattere le mafie a Roma.